• Torrente Saitta
    Torrente Saitta Messina | Italia :: ph. Michele Di Bella
  • Gole del Raganello
    Gole del Raganello Cosenza | Italia :: ph. Luca D'Alba
  • Torrente Baes
    Torrente Baes Brescia | Italia :: ph. Ugo Peroglio
  • Rio San Matteo
    Rio San Matteo Brescia | Italia :: ph. Ugo Peroglio
  • Rio di Foppiano
    Rio di Foppiano Verbania | Italia :: ph. Erwin Kob
  • Gole del Raganello
    Gole del Raganello Cosenza | Italia :: ph. Luca D'Alba
  • Portela Canyon
    Portela Canyon Creta | Grecia :: ph. Luca Dallari
  • Torrente Saitta
    Torrente Saitta Messina | Italia :: ph. Michele Di Bella
  • Val Progero
    Val Progero Ticino | Svizzera :: ph. Mirko Antonioli
  • Torrente Iragna
    Torrente Iragna Ticino | Svizzera :: ph. Lorenzo Cociani
  • Barrosas Canyon
    Barrosas Canyon Flores | Azzorre :: ph. Anna Custo
  • Clue d'Amen
    Clue d'Amen Alpes-Maritimes | Francia :: ph. Manuela Esposito
  • Rio Margherita
    Rio Margherita Bolzano | Margherita :: ph. Erwin Kob
  • Lodrino inferiore
    Lodrino inferiore Ticino | Svizzera :: ph. Roberto Schenone
  • Otxi Mdinare
    Otxi Mdinare Colchide | Georgia :: ph. Francesco Radicchi
  • Fosso Pito
    Fosso Pito Ascoli Piceno | Italia :: ph. Pietro Torellini
  • Ogliana Quarata
    Ogliana Quarata Verbania | Italia :: ph. Guido Armaroli
  • Bras Rouge
    Bras Rouge Ile de la Réunion :: ph. Federico Maggiani
  • Ha Canyon
    Ha Canyon Creta | Grecia :: ph. Luca Dallari
  • Val Progero
    Val Progero Ticino | Svizzera :: ph. Mirko Antonioli
Scuola Nazionale Canyoning Progetto ProCanyon Shop Online Catasto delle forre italiane AIC Wiki - l'enciclopedia del torrentismo by AIC AIC tivi su Yotube - i video dei soci Info Canyon by AIC - il forum di torrentismo in Italia Pagina Facebook - Associazione Italiana Canyoning
Catasto AIC UD013
Comune Moggio Udinese / Chiusaforte - UDINE
Quote Ingresso ~ 700 m
Uscita 340 m
Dislivello ~ 360 m
Sviluppo ~ 2500 m
Tempi Navetta 1 km
Avvicinamento 1,5 h
Progressione 4 h
Ritorno 5 min
Interesse Internazionale
Difficoltà v4 a4 V
Numero calate 16, max 33 m
Corde consigliate 2 da 50 m
Periodo Da luglio a settembre
Vie d'uscita no
Materiali Muta indispensabile
Cartografia Carta Tabacco 1:25000 foglio n. 018 - Alpi Carniche Orientali, Canal del Ferro.  Visualizza la cartina
Coord. punto d'accesso al greto  
Coord. punto d'abbandono del greto 33t 0366575 5139990


Presentazione generale

Si tratta, probabilmente, della più bella forra di tutto il Friuli Venezia Giulia. Molto acquatica e continua, è caratterizzata dalla possibilità di fare diversi tuffi. L'ambiente è sempre molto imponente e grandioso mentre la progressione è divertente e varia. Si noti che la presente descrizione si riferisce alla parte inferiore del Rio Simon. La parte superiore così come descritta nelle pubblicazioni reperibili sul mercato non ha le caratteristiche di un itinerario Pro-Canyon.

Accesso a valle

Percorrendo la statale 13 in direzione verso Tarvisio, subito dopo la galleria che si incontra passato l'abitato di Resiutta, si gira al bivio per Roveredo e, in breve, si raggiunge il ponte sul Rio Simon che è il punto di uscita della nostra gola e dove si può lasciare un'auto. Fare attenzione ai furti !

Accesso a monte

Percorrendo la statale 13 in direzione Tarvisio, subito dopo la galleria che si incontra passato l'abitato di Resiutta, si gira al bivio per Roveredo e, raggiunto tale piccolo centro si parcheggia presso la chiesa.

Descrizione

A pochi metri dalla chiesa parte il ripido sentiero 424 con indicazioni per Casera Cite. Dopo un primo faticoso tratto ripido (attenzione a non perdere la via, seguire i paletti bianchi e rossi), il sentiero piega prima verso est e poi verso nord costeggiando sempre la valle del Rio Simon e tenendosi alto sulla destra orografica. Fare attenzione al bivio nei pressi di alcune croci in ferro (circa 40 ') dove bisogna proseguire dritti e non prendere il più evidente sentiero in salita.Poco dopo, in corrispondenza di un affluente, si stacca, sulla destra un poco evidente sentiero in discesa (a circa 1 ora dall'auto). Seguirlo per circa 30' fino a raggiungere l'alveo (omettto).
Da qui si raggiunge facilmente la prima serie di calate (4 in rapida successione). La gola prosegue quindi in un alternarsi di tuffi e calate fino a pervenire ad una caratteristica calata che
si effettua dalla sommità di un 'enorme masso incastrato in mezzo alla gola (ancoraggi per eventuale teleferica previsti alla base del salto). Superati ancora un paio di salti si perviene ad una zona larga e solatia che prelude allo spettacolare salto nel buio costituito dalla cascata successiva (33m - verticale più alta dell'itinerario). Da qui la gola continua, profondamente incassata, ancora per un tratto caratterizzato da alcuni salti minori per poi terminare di colpo con una spettacolare rampa inclinata che è preferibile scendere con la corda, anche se sembra facile, a causa della roccia marcia e scivolosa. Da questo punto, per raggiungere il parcheggio, non restano che alcuni minuti di cammino lungo il fiume.

Category: Procanyon - forre

Carrello - Cart

 x 
Cart empty

In casa nostra

  • Preghiera per tutti
    È un momento orribile questo, siamo di nuovo a piangere persone e a fare elenchi che nessuno vorrebbe dover fare. Si stanno dicendo tante cose in questo momento, purtroppo non tutte esatte, facendo confusione...
    Leggi tutto...
  • il nuovo direttivo AIC
    Da qualche settimana il direttivo neo eletto ha iniziato a lavorare, tra le prime cose ha formalizzato, non senza qualche difficoltà, le cariche istituzionali:
    Presidente: Luca Dallari Vice...
    Leggi tutto...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8