• Takamaka Canyon
    Takamaka Canyon Ile de la Réunion :: ph. Manuel Aragón
  • Ha Canyon
    Ha Canyon Creta | Grecia :: ph. Luca Dallari
  • Volarja Canyon
    Volarja Canyon Tolmin | Slovenia :: ph. Michele Zanin
  • Gole del Raganello
    Gole del Raganello Cosenza | Italia :: ph. Luca D'Alba
  • Barrosas Canyon
    Barrosas Canyon Flores | Azzorre :: ph. Anna Custo
  • Rio di Foppiano
    Rio di Foppiano Verbania | Italia :: ph. Erwin Kob
  • Torrente Saitta
    Torrente Saitta Messina | Italia :: ph. Michele Di Bella
  • Rio Margherita
    Rio Margherita Bolzano | Margherita :: ph. Erwin Kob
  • Val Progero
    Val Progero Ticino | Svizzera :: ph. Mirko Antonioli
  • Portela Canyon
    Portela Canyon Creta | Grecia :: ph. Luca Dallari
  • Torrente Baes
    Torrente Baes Brescia | Italia :: ph. Ugo Peroglio
  • Ogliana Quarata
    Ogliana Quarata Verbania | Italia :: ph. Guido Armaroli
  • Val Progero
    Val Progero Ticino | Svizzera :: ph. Mirko Antonioli
  • Gole del Raganello
    Gole del Raganello Cosenza | Italia :: ph. Luca D'Alba
  • Otxi Mdinare
    Otxi Mdinare Colchide | Georgia :: ph. Francesco Radicchi
  • Bras Rouge
    Bras Rouge Ile de la Réunion :: ph. Federico Maggiani
  • Fosso Pito
    Fosso Pito Ascoli Piceno | Italia :: ph. Pietro Torellini
  • Torrente Iragna
    Torrente Iragna Ticino | Svizzera :: ph. Lorenzo Cociani
  • Lodrino inferiore
    Lodrino inferiore Ticino | Svizzera :: ph. Roberto Schenone
  • Clue d'Amen
    Clue d'Amen Alpes-Maritimes | Francia :: ph. Manuela Esposito
Scuola Nazionale Canyoning Progetto ProCanyon Shop Online Catasto delle forre italiane AIC Wiki - l'enciclopedia del torrentismo by AIC AIC tivi su Yotube - i video dei soci Info Canyon by AIC - il forum di torrentismo in Italia Pagina Facebook - Associazione Italiana Canyoning

Esistono due diverse (entrambe ragionevoli) possibilità di accesso. La prima, quella classica, impone l'uso di 2 auto e la discesa di uno scosceso ghiaione. La seconda, molto più comoda, fa "perdere" il non disprezzabile tratto iniziale (4 calate). Entrambi gli accessi sono comunque segnalati e descritti. A voi la scelta.

Catasto AIC PN003
Comune Erto - PORDENONE
Quote Entrata classica
Ingresso 870 m
Uscita 690 m
Dislivello 180 m
Sviluppo 2000 m
Entrata intermedia
Ingresso 830 m
Uscita 690 m
Dislivello 140 m
Sviluppo 1300 m
Tempi Entrata classica
Navetta 5 km circa
Avvicinamento 20 min
Progressione 4 - 5 h
Ritorno 15 min
Entrata intermedia
Navetta 0 km
Avvicinamento 15 min
Progressione 3 - 4 h
Ritorno 15 min
Interesse Internazionale
Difficoltà v4 a5 IV
Numero calate Entrata classica
 14
Entrata intermedia
 10
Corde consigliate 1 da 60 m
Periodo Da luglio a settembre
Vie d'uscita Poco dopo il punto in cui un ponticello di calcestruzzo attraversa la gola, sulla destra, un sentierino porta nei pressi del ponte di Erto. Subito dopo la parte scura è possibile risalire in riva destra approssimativamente lungo il greto di un piccolo affluente. Prima dell'arco naturale, per ripido canale detritico sulla sinistra e poi per pendii erbosi ripidi è possibile raggiungere la statale
Materiali Muta indispensabile
2 staffe
Cartografia Carta Tabacco 1:25000 foglio n. 021
Coord. punto d'accesso al greto  
Coord. punto d'abbandono del greto  


Presentazione generale

Strettissima forra, cupa e quasi invisibile, in cui rumoreggia il torrente Zemola, collettore delle acque del versante meridionale del Duranno. Tutta molto acquatica ci regala degli scorci di eccezionale bellezza fra levigate sponde di calcare bianco, con archi di roccia, toboga e pozze profonde e vorticose.

Accesso a valle

Parcheggiare l'auto presso il ponte sulla Val Zemola lungo la strada statale 251.
Se si sceglierà di risalire in riva sinistra, p
archeggiare l'auto presso un evidente caseggiato incompiuto sulla statale 251 in località S. Martino.

Accesso a monte - Entrata classica

Dal paese di Erto si percorre per circa 3 Km la mulattiera che sale al rifugio Maniago. Dopo una marcata curva a destra in corrispondenza di un impluvio, si lascia l'auto nel successivo spiazzo (nei pressi di una curva a sinistra) subito prima del punto in cui reinizia l’asfaltatura. Da qui, ritornati indietro fino a quasi il centro dell’impluvio (freccia con segnavia Pro-Canyon) si scende fino al greto per un lungo, ripido e non sempre facile pendio detritico.

Accesso a monte - Entrata intermedia

Percorrere il sentierino che parte nei pressi del ponte di Erto (a sinistra della cappelletta) e che, in circa 15 minuti, porta alla riva destra del greto.

Profilo della forra

Descrizione

Entrando dall’accesso classico, la gola inizia dapprima in ambiente piuttosto largo e ingombro di massi. Poi si stringe presentando una divertente sequenza di piccole calate in corda, toboga e scivoli.
Si incontra quindi, in riva destra e poco dopo il punto in cui un ponticello di calcestruzzo attraversa la gola il sentierino indicato come "entrata intermedia".
Ancora alcuni salti e si perviene, dopo un tratto dove la gola si allarga molto, ad un improvviso restringimento tra pareti altissime. Se fuori non c'è il sole, può essere utile l'illuminazione elettrica. Nel passare sotto il ponte di Erto conviene affrettarsi perché sembra che una delle attività più popolari della zona sia quella di lanciare sassi ed altri oggetti. Finito lo strettissimo tratto meandreggiante, inizia la parte più bella ed impegnativa dell'itinerario con due splendidi archi naturali a fare da portali.
Sequenza delle calate che seguono: 5, 10, 14, 17.
Nella calata da 5 metri (con attenta valutazione forse fattibile senza corda) prestare attenzione perché il salto porta ad una vasca vorticosa dalla quale è difficile uscire anche in vista del fatto che il salto successivo da 8 metri è subito a seguire.
Gli ultimi due impegnativi salti (in piena corrente) si superano tenendosi il più possibile a sinistra.
L’itinerario termina al cambiare del tipo di roccia (diventa marcatamente rossastra) e dopo l’ultima caratteristica cascata con il flusso che forma una "coda di cavallo".

Uscita

Da dove il greto ritorna ampio e sassoso, si prosegue per un centinaio di metri per risalire per un pendio detritico a destra che evolve poi in esile traccia e quindi in sentiero che conduce sulla statale 251 nei pressi del ponte sulla Val Zemola (segnavia Pro Canyon).

Category: Procanyon - forre

Carrello - Cart

 x 
Cart empty

In casa nostra

  • Preghiera per tutti
    È un momento orribile questo, siamo di nuovo a piangere persone e a fare elenchi che nessuno vorrebbe dover fare. Si stanno dicendo tante cose in questo momento, purtroppo non tutte esatte, facendo confusione...
    Leggi tutto...
  • il nuovo direttivo AIC
    Da qualche settimana il direttivo neo eletto ha iniziato a lavorare, tra le prime cose ha formalizzato, non senza qualche difficoltà, le cariche istituzionali:
    Presidente: Luca Dallari Vice...
    Leggi tutto...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8