• Rio Sarcerei
    Rio Sarcerei Nuoro | Italia :: ph. Emanuele Nurra
  • Ha Canyon
    Ha Canyon Creta | Grecia :: ph. Luca Dallari
  • Torrente Casenda
    Torrente Casenda Sondrio | Italia :: ph. Mirco Rossi
  • Gocta Falls
    Gocta Falls Bongarà | Perù :: ph. Nitu Moreno
  • Barrosas Canyon
    Barrosas Canyon Flores | Azzorre :: ph. Anna Custo
  • Torrente Iragna
    Torrente Iragna Ticino | Svizzera :: ph. Lorenzo Cociani
  • Fosso Pito
    Fosso Pito Ascoli Piceno | Italia :: ph. Pietro Torellini
  • Torrente Baes
    Torrente Baes Brescia | Italia :: ph. Ugo Peroglio
  • Val Progero
    Val Progero Ticino | Svizzera :: ph. Mirko Antonioli
  • Gole del Raganello
    Gole del Raganello Cosenza | Italia :: ph. Luca D'Alba
  • Takamaka Canyon
    Takamaka Canyon Ile de la Réunion :: ph. Manuel Aragón
  • Rio di Foppiano
    Rio di Foppiano Verbania | Italia :: ph. Erwin Kob
  • Volarja Canyon
    Volarja Canyon Tolmin | Slovenia :: ph. Michele Zanin
  • Bras Rouge
    Bras Rouge Ile de la Réunion :: ph. Federico Maggiani
  • Lodrino inferiore
    Lodrino inferiore Ticino | Svizzera :: ph. Roberto Schenone
  • Torrente Saitta
    Torrente Saitta Messina | Italia :: ph. Michele Di Bella
  • Val Bianca
    Val Bianca Domodossola | Italia :: ph. Paolo Giannelli
  • Clue d'Amen
    Clue d'Amen Alpes-Maritimes | Francia :: ph. Manuela Esposito
  • Portela Canyon
    Portela Canyon Creta | Grecia :: ph. Luca Dallari
  • Rio San Matteo
    Rio San Matteo Brescia | Italia :: ph. Ugo Peroglio
Scuola Nazionale Canyoning Progetto ProCanyon Shop Online Catasto delle forre italiane AIC Wiki - l'enciclopedia del torrentismo by AIC AIC tivi su Yotube - i video dei soci Info Canyon by AIC - il forum di torrentismo in Italia Pagina Facebook - Associazione Italiana Canyoning
Cari Soci,
sono già trascorsi quasi tre anni dall'assemblea elettiva di Verona, dove è stato eletto l'attuale Consiglio Direttivo dell'AIC.

Come sapete, questo Consiglio ha raggruppato alcune persone che da anni portano avanti la gestione di AIC con altre che, per la prima volta, hanno deciso di passare da soci a... soci. Con la differenza che sono passati da semplici fruitori a preziose risorse per svolgere i compiti fondamentali per l'associazione.
Ma è proprio questo il punto: sono i soci a portare avanti l'AIC, non esistono persone imprescindibili né compiti preclusi ad alcun socio. Quello che è vitale per l'associazione è che ci sia un ricambio nelle persone che la portano avanti, supportato dal contributo essenziale che può dare chi ha già svolto questo ruolo.



assembleaelettiva2022


L'attuale Consiglio Direttivo è in scadenza, di conseguenza chiediamo a tutti voi due cose, ugualmente importanti.

La prima è quella di mettervi in gioco, di esprimere la vostra appartenenza ad AIC prendendo parte in prima persona alla sua gestione organizzativa, in sostanza di candidarvi al prossimo Consiglio Direttivo.
Fare parte del direttivo di un'associazione come la nostra è sì impegnativo, ma può essere a maggior ragione gratificante e motivante; l'AIC è una realtà rara in Italia, non tanto perché il canyoning sia un'attività poco diffusa rispetto a tante altre, ma piuttosto perché è difficile trovare un'associazione più coerente e disinteressata, con la possibilità di agire in maniera snella ed autonoma nell'interesse dell'attività e dei propri soci.

La seconda cosa, non da meno, è quella di partecipare all'Assemblea elettiva che si svolgerà prossimamente (presto, tramite newsletter, verranno comunicati ai soci tutti i dettagli), per esprimere di persona il vostro consenso e la vostra opinione o, per contro, manifestare critiche nell'interesse dell'associazione stessa.

Come avete avuto modo di vedere, negli ultimi due anni abbiamo optato per assemblee virtuali, non in presenza, a causa ovviamente del covid; è un metodo che si è dimostrato molto pratico, sia per gli organizzatori sia per i partecipanti. Ma non è mai successo che un Consiglio Direttivo di AIC venga eletto tramite un'assemblea virtuale e non vorremmo che accadesse nemmeno questa volta.
Ci sembra giusto che un'occasione così significativa nella vita di un'associazione sia svolta in presenza dei soci, che chi viene eletto si trovi a confronto con chi lo elegge e che sia importante manifestare dal vero il proprio supporto a chi inizia tre anni di mandato.

Le candidature vanno presentate entro il 16 Ottobre p.v. tramite l'invio di una breve presentazione scritta del candidato, al seguente indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Parafrasando la retorica statunitense, e migliorandola quel tanto che serve (ci vuole poco...): è giusto che vi chiediate cosa AIC può fare per i soci, così come è giusto che AIC chieda ai soci di fare qualcosa per lei.
Pensateci!

Il Direttivo
Categoria: Assemblee
Cit. Philip Jourdain:
«La frase seguente è vera. La frase precedente è falsa.»
 
Paradosso: in senso logico-linguistico, indica sia un ragionamento che appare invalido ma che deve essere accettato, sia un ragionamento che appare corretto ma che porta a una contraddizione. Secondo Sainsbury, si tratta di «una conclusione apparentemente inaccettabile, che deriva da premesse apparentemente accettabili per mezzo di un ragionamento apparentemente accettabile».

ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI
Protocollo Partenza N. 3665/2022 del 09-08-2022
Oggetto: attività di torrentismo in Val Clusa
Facendo seguito alle Vostre richieste di chiarimenti sulla possibilità di percorrere la Val Clusa e di organizzare attività di torrentismo in questa forra che coincide con il confine del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi si evidenzia che […] “qualora si scelgano come confine i corsi d’acqua, strade o sentieri, questi sono da ritenersi esterni all’area protetta”.
Quindi il corso d’acqua della Val Clusa che coincide con il confine del Parco Nazionale è da considerarsi esterno al confine dell’area protetta come il versante in destra orografica mentre il versante in sinistra orografica ricade all’interno del territorio dell’area protetta.
Si ricorda che all’interno del Parco Nazionale l’attività di torrentismo è vietata (riferimento art. 19 delle Norme di Attuazione del Piano per il Parco e art. 30, comma 4 del regolamento del Parco).

Ecco dove siamo arrivati con l’applicazione del regolamento del Parco Nazionali delle Dolomiti Bellunesi, in merito al divieto di pratica del torrentismo all’interno del suo territorio: al paradosso.


Facciamo un passo indietro.
A fine luglio AIC invia, tramite pec, una comunicazione alla Direzione del Parco, lamentando la poca coerenza da parte dell’ente e delle forze dell’ordine nell’applicazione del regolamento che vieta – senza mezzi termini – la pratica del torrentismo. L’obiettivo non è ovviamente quello della lamentela fine a sé stessa né tanto meno quello di sollecitare le sanzioni, quanto piuttosto quello di ricevere dal Parco una risposta inequivocabile a questa domanda:
nella Val Clusa, così come in eventuali altri percorsi lungo il confine del parco, il torrentismo è vietato o è lecito? In altre parole, un percorso lungo il confine del Parco è parte del suo territorio, e quindi ugualmente regolamentato, o no?

La lettera inviata la trovate al link in calce; i toni sono poco concilianti, perché AIC ha impiegato parecchie energie nel tentativo di sbloccare l’interdizione alla pratica del torrentismo. Ci ha lavorato a più riprese a partire dal 2009, ha partecipato alla prima stesura della nuova zonizzazione del territorio che consentiva l’attività del torrentismo in determinate zone, ha sostenuto l’impegno del parco a portare avanti questi strumenti affinché diventassero operativi, ha sempre invitato i propri soci a non frequentare “abusivamente” i percorsi all’interno del parco per non andare contro tutto ciò a cui si stava lavorando, ha preso le difese del Parco anche quando questo, nel 2019, ha improvvisamente e finalmente deciso di sanzionare comportamenti inspiegabilmente tollerati per più di dieci anni.
In tutto questo tempo è rimasta coerente con il lavoro fatto e i propositi condivisi con il Parco.
Ma purtroppo il Parco non ha fatto altrettanto.

Nonostante le tante richieste di incontro e chiarimenti, l’ente ci ha ripetutamente ignorato, arrivando infine ad approvare un nuovo regolamento che contraddice in toto quanto approvato una decina di anni fa e reiterando il divieto totale di svolgere l’attività di torrentismo in tutto il territorio del parco.
Non sappiamo il perché, i chiarimenti non sono mai arrivati; la direzione del Parco ha trascurato la comunicazione anche con chi, come AIC, ha offerto un supporto qualificato e disinteressato in qualità di alleato tecnico e ambientalista, nonché quale associazione più rappresentativa a livello nazionale del mondo canyonistico.

E arriviamo ai giorni recenti e al perché di questa lettera.
Sono dello scorso luglio, infatti, alcuni post che sostengono la non intenzione dei Carabinieri, forza intitolata a punire comportamenti illeciti all’interno del parco, di sanzionare chi intende percorrere la Val Clusa, motivando questa tolleranza sulla base del posizionamento geografico della forra, ossia lungo il confine del Parco.
Questo, in aperta contraddizione con quanto sostenuto a parole dalla direzione dell’ente, almeno fino all’ultimo confronto verbale avuto con AIC.
E sia, nessuna recriminazione, ma la richiesta di spiegazione diventa doverosa e improcrastinabile.

E torniamo quindi alla domanda, chiara e puntuale, che AIC ha fatto alla presidenza del Parco:
si può fare torrentismo nella Val Clusa?

Ed eccoci anche al perché del paradosso citato nell’introduzione di questo articolo:
“un ragionamento che appare corretto ma che porta a una contraddizione”.

Rivediamo in sintesi la risposta che abbiamo ricevuto.
  • la Val Clusa coincide con il confine del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi
  • qualora si scelgano come confine i corsi d’acqua, questi sono da ritenersi esterni all’area protetta
  • il versante in destra orografica della Val Clusa è da considerarsi esterno al confine dell’area protetta
  • il versante in sinistra orografica della Val Clusa ricade all’interno del territorio dell’area protetta
  • Si ricorda che all’interno del Parco Nazionale l’attività di torrentismo è vietata
Bene. Inutile rileggere.
Non troverete mai una risposta in questo paradosso.
A meno di volerne trovare una di comodo, certo, in maniera speculativa o opportunistica, come in tanti hanno già fatto e condiviso in questi giorni. C’è ovviamente chi si è fermato all’asserzione che il confine non rientra nell’area protetta, chi sostiene che i versanti del greto non siano parte del torrente, chi pensa di poter utilizzare solo gli armi in riva destra.

Ma in questa risposta, in realtà, c’è tutta l’incoerenza e l’incapacità della direzione del Parco di assumersi, ad oggi, l’onere di un regolamento discriminatorio e immotivato, di farsi carico della responsabilità delle conseguenze di quanto l’ente stesso ha stabilito e di prendere in merito una posizione chiara, a beneficio di tutti.
È una non-risposta che lascia aperto il problema e dà campo all’interpretazione, con una modalità cerchiobottista che non si sposa per nulla con chi lavora, come AIC, motivato dalla passione.

Quindi?
Quindi è inutile cercare altre risposte.
Quindi da oggi, anche per AIC la Val Clusa è territorio per i torrentisti, senza più remore che peraltro sono sempre state solo nostre.
Quindi ancora, non sarà più priorità di AIC quella di sollecitare i propri soci ad attenersi al regolamento del Parco, come ha invece fatto fino ad oggi.
Semplicemente prende atto della situazione; vince la burocrazia contro i buoni propositi, vince la politica contro la competenza, vince l’opportunismo contro la coerenza.

Sicuramente non sarà tutto di facile comprensione per chi non abbia seguito, negli anni, l’atteggiamento propositivo e rispettoso di AIC sulla questione, ma crediamo che sia bene esposto nella lettera inviata al Parco.
Purtroppo non c’è nulla di cui rallegrarsi in questa vittoria di Pirro: avere la possibilità di percorrere un gioiello come la Val Clusa grazie all’interpretazione di un’area grigia dello strumento normativo non è e non sarà mai uguale a poterlo fare perché giustamente riconosciuto e concesso da un regolamento equo.

Per rimostranze in tal senso, pregasi scrivere a Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.
Ad maiora,


Monica Boraso
Presidente Associazione Italiana Canyoning

Luca Dallari
Past President Associazione Italiana Canyoning

clicca qui per leggere la mail inviata da AIC al Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi
""""""""""
Categoria: Notizie
Ecco la programmazione dei corsi della Scuola Nazionale Canyoning di AIC previsti per il 2022.


convenzioneDE 

clicca sull'immagine per scaricarla
Per aggiornamenti e informazioni dettagliate vi rimandiamo alla pagina con l'elenco completo dei corsi.
Categoria: Corsi

Pagina 1 di 8