• Ogliana Quarata
    Ogliana Quarata Verbania | Italia :: ph. Guido Armaroli
  • Ha Canyon
    Ha Canyon Creta | Grecia :: ph. Luca Dallari
  • Takamaka Canyon
    Takamaka Canyon Ile de la Réunion :: ph. Manuel Aragón
  • Rio Margherita
    Rio Margherita Bolzano | Margherita :: ph. Erwin Kob
  • Volarja Canyon
    Volarja Canyon Tolmin | Slovenia :: ph. Michele Zanin
  • Rio Sarcerei
    Rio Sarcerei Nuoro | Italia :: ph. Emanuele Nurra
  • Rio San Matteo
    Rio San Matteo Brescia | Italia :: ph. Ugo Peroglio
  • Gole del Raganello
    Gole del Raganello Cosenza | Italia :: ph. Luca D'Alba
  • Fosso Pito
    Fosso Pito Ascoli Piceno | Italia :: ph. Pietro Torellini
  • Portela Canyon
    Portela Canyon Creta | Grecia :: ph. Luca Dallari
  • Torrente Baes
    Torrente Baes Brescia | Italia :: ph. Ugo Peroglio
  • Gole del Raganello
    Gole del Raganello Cosenza | Italia :: ph. Luca D'Alba
  • Torrente Saitta
    Torrente Saitta Messina | Italia :: ph. Michele Di Bella
  • Clue d'Amen
    Clue d'Amen Alpes-Maritimes | Francia :: ph. Manuela Esposito
  • Lodrino inferiore
    Lodrino inferiore Ticino | Svizzera :: ph. Roberto Schenone
  • Otxi Mdinare
    Otxi Mdinare Colchide | Georgia :: ph. Francesco Radicchi
  • Torrente Saitta
    Torrente Saitta Messina | Italia :: ph. Michele Di Bella
  • Val Progero
    Val Progero Ticino | Svizzera :: ph. Mirko Antonioli
  • Barrosas Canyon
    Barrosas Canyon Flores | Azzorre :: ph. Anna Custo
  • Gocta Falls
    Gocta Falls Bongarà | Perù :: ph. Nitu Moreno
Scuola Nazionale Canyoning Progetto ProCanyon Shop Online Catasto delle forre italiane AIC Wiki - l'enciclopedia del torrentismo by AIC AIC tivi su Yotube - i video dei soci Info Canyon by AIC - il forum di torrentismo in Italia Pagina Facebook - Associazione Italiana Canyoning
Catasto AIC RI003
Comune Collalto Sabino - Rieti
Quote Ingresso 700
Uscita 550
Dislivello 150
Sviluppo 2,2 km (dalla Mola)
Visualizza la planimetria (.pdf 144KB)
Tempi Navetta 12 km
Avvicinamento '45 min
Progressione 2 h
Ritorno 15 min
Difficoltà V2 A3/A5 II
Numero calate 7, max 9m
Corde consigliate 1 da 25m
Periodo Da aprile a giugno ma anche in autunno-inverno
Vie d'uscita Possibili
Materiali Muta completa indispensabile
Cartografia  IGM 1:25000 145 III NO 
Coord. punto d'accesso al greto  
Coord. punto d'abbandono del greto  


Presentazione generale

Breve ma interessante gola ad andamento orizzontale, piuttosto acquatica e ludica. Sono attrezzati 7 salti, tutti tuffabili (con estrema attenzione) o disarrampicabili, il più alto è di circa 9m. Non sottovalutare comunque una discesa con portate importanti, infatti alcuni piccoli salti e scivoli, si rivelano delle vere e proprie trappole.

Accesso a valle

Dall'uscita autostradale di Carsoli (Roma-L'Aquila), svoltare a sinistra e seguire le indicazioni per Rieti, Turania. Proseguire sulla provinciale fino ad un incrocio con indicazioni per Collalto Sabino (circa 11 km dal casello), svoltare a destra subito prima del ponte sul Fosso di Riancoli. Dopo 200 mt, in prossimità di un tornante a destra, parcheggiare l'auto.

Accesso a monte

Proseguire fino a Collalto Sabino. In prossimità del paese svoltare a destra prendendo la strada in discesa. Dopo pochi km svoltare a sinistra in direzione Collegiove, passare un incrocio con indicazioni Nespolo e proseguire ancora fino superare un ponte sul fosso di Riancoli, dopo 100m svoltare a sinistra su strada sterrata che costeggia il fosso. Continuare sulla sterrata fino al suo termine, 1 km circa, dove è possibile parcheggiare l’auto.

Avvicinamento

Rimanendo sulla riva destra del fosso, si raggiunge un rudere della “Mola tra le Vene”, lo si attraversa e si prosegue sulle tracce del sentiero che costeggia il torrente. Seguire le tracce, che spesso rientrano nel greto del torrente, senza mai allontanarsi troppo dal greto. A volte le tracce si perdono, in tal caso verificare se proseguono sull'altra sponda. Continuare lungamente per circa 45 minuti, fino ad incontrare un primo salto di 3m, armato con 2 fittoni, dove è necessario indossare la muta.

Descrizione

Il salto di 3m è tuffabile tuttavia può essere aggirato facilmente in riva sinistra ma solo se la portata non è troppo elevata. Si continua superando piccoli scivoli, marmitte e qualche laghetto, fino ad arrivare ad un salto di 3m, catena a destra, dove è possibile tuffarsi o tobogare. Si supera un lungo lago e si continua ancora fino ad incontrare il tratto più inforrato dell'itinerario che inizia con un salto da 9m, armato sia in riva sinistra con mancorrente e catena, che in riva destra con catena dalla quale si scende prima su un terrazzino e poi con altri due fittoni si scende in una grande vasca. Salto tuffabile previa attenta verifica della vasca che spesso ospita tronchi incastrati. Dalla base del salto si deve attraversare a nuoto la vasca per raggiungere, sempre in riva sinistra, una catena per il successivo salto da 8m, anch'esso tuffabile. In caso di portate generose, non è semplice raggiungere l'altra sponda della marmitta, al termine della quale è necessario salire su di un masso piuttosto scivoloso. E’ conveniente seguire il flusso dell'acqua che sgorga a sinistra del masso, facendo comunque estrema attenzione nel raggiungere la catena. Tenete presente che il maggior deflusso dell'acqua avviene in riva destra, per cui la corrente in quel punto non dovrebbe creare grossi problemi. Si supera un lago, poi si cammina ancora fino a trovare un piccolo tuffo da 2m. Ora si prosegue per un tratto più accidentato che presenta due sbarramenti naturali che in caso di forte portata possono essere pericolosi. Il primo è facilmente disarrampicabile in riva destra, il secondo è armato in riva destra, oppure è disarrampicabile in riva sinistra ma solo con poco scorrimento. Si consiglia l'uso dei fittoni a destra in caso di forte portata. Si continua ancora fino a trovare un saltino armato in riva sinistra, tuffabile con estrema attenzione per via dell’acqua piuttosto bassa. In breve si arriva all'ultimo salto di 4m, anch’esso tuffabile. In caso di forte corrente non è facile raggiungere il punto migliore per il salto, quindi in una nicchia in riva destra ci sono 2 fittoni per un mancorrente che permette di raggiungere l'ancoraggio con calata deviata che porta in una vasca usciti dalla quale si attraversa l'ultimo lungo lago della forra.

Rientro

Superato l'utimo lungo lago a nuoto, dopo neanche 100 metri, sulla sinistra subito prima di un affluente quasi sempre secco, si staccano un sentierino (palo con cartello Area naturale M.te Navegna) in leggera salita che in 10-15 minuti di marcia portano all'auto. In alternativa è possibile seguire il torrente fino al ponte in prossimità del bivio per Collalto Sabino.

Category: Procanyon - forre

Carrello - Cart

 x 
Cart empty

In casa nostra

  • Preghiera per tutti
    È un momento orribile questo, siamo di nuovo a piangere persone e a fare elenchi che nessuno vorrebbe dover fare. Si stanno dicendo tante cose in questo momento, purtroppo non tutte esatte, facendo confusione...
    Leggi tutto...
  • il nuovo direttivo AIC
    Da qualche settimana il direttivo neo eletto ha iniziato a lavorare, tra le prime cose ha formalizzato, non senza qualche difficoltà, le cariche istituzionali:
    Presidente: Luca Dallari Vice...
    Leggi tutto...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8