• Val Progero
    Val Progero Ticino | Svizzera :: ph. Mirko Antonioli
  • Ha Canyon
    Ha Canyon Creta | Grecia :: ph. Luca Dallari
  • Gole del Raganello
    Gole del Raganello Cosenza | Italia :: ph. Luca D'Alba
  • Gole del Raganello
    Gole del Raganello Cosenza | Italia :: ph. Luca D'Alba
  • Torrente Casenda
    Torrente Casenda Sondrio | Italia :: ph. Mirco Rossi
  • Torrente Iragna
    Torrente Iragna Ticino | Svizzera :: ph. Lorenzo Cociani
  • Ogliana Quarata
    Ogliana Quarata Verbania | Italia :: ph. Guido Armaroli
  • Bras Rouge
    Bras Rouge Ile de la Réunion :: ph. Federico Maggiani
  • Barrosas Canyon
    Barrosas Canyon Flores | Azzorre :: ph. Anna Custo
  • Torrente Saitta
    Torrente Saitta Messina | Italia :: ph. Michele Di Bella
  • Val Bianca
    Val Bianca Domodossola | Italia :: ph. Paolo Giannelli
  • Torrente Baes
    Torrente Baes Brescia | Italia :: ph. Ugo Peroglio
  • Val Progero
    Val Progero Ticino | Svizzera :: ph. Mirko Antonioli
  • Fosso Pito
    Fosso Pito Ascoli Piceno | Italia :: ph. Pietro Torellini
  • Takamaka Canyon
    Takamaka Canyon Ile de la Réunion :: ph. Manuel Aragón
  • Rio di Foppiano
    Rio di Foppiano Verbania | Italia :: ph. Erwin Kob
  • Rio San Matteo
    Rio San Matteo Brescia | Italia :: ph. Ugo Peroglio
  • Lodrino inferiore
    Lodrino inferiore Ticino | Svizzera :: ph. Roberto Schenone
  • Gocta Falls
    Gocta Falls Bongarà | Perù :: ph. Nitu Moreno
  • Torrente Saitta
    Torrente Saitta Messina | Italia :: ph. Michele Di Bella
Scuola Nazionale Canyoning Progetto ProCanyon Shop Online Catasto delle forre italiane AIC Wiki - l'enciclopedia del torrentismo by AIC AIC tivi su Yotube - i video dei soci Info Canyon by AIC - il forum di torrentismo in Italia Pagina Facebook - Associazione Italiana Canyoning

Articoli

Sabato 26 Maggio 2012 tre torrentisti sono rimasti bloccati nell'Isorno Ineriore causa la forte portata del torrente.
Di seguito il racconto di Alberto Mangili che era fuori dalla forra in attesa e il racconto di Marco Benzi uno dei protagonisti.

Aspettando fuori...

Giornata da dimenticare quella occorsa ai miei compagni di avventura sabato 26 maggio. O da non dimenticare (in base ai punti di vista).

Premettendo che io mi trovavo sul posto nei panni dell'amico che ha avvertito i soccorsi, insieme a Matita (non sono entrato in forra perchè la mattina alla partenza ho dimenticato l'attrezzatura da torrente in casa e non avevo il tempo di recuperarla), inizio a parlare dell'accadimento perchè è il caso di non aspettare le "Leggende metropolitane" citate da Skeno.

Cercherò di essere obiettivo nell'esposizione dei fatti, e spero che le persone coinvolte nell'incidente aggiungano anche le loro considerazioni.

Ci dirigiamo in Ossola per altre faccende, finiti i nostri impegni pensiamo che viste le condizioni meteo favorevoli ed essendoci portati il materiale possiamo approfittare della situazione per farci una discesa in forra.

Già durante il viaggio abbiamo telefonato al custode della diga a monte dell'Isorno che ci comunica che non sono previsti rilasci in nessuna delle due giornate e che la portata della forra è scarsa rispetto al periodo (scarsa ma secondo quali parametri?!) .

Per il motivo sopra citato decidiamo di recarci li a verificare la fattibilità.
Andiamo direttamente al parcheggio a monte in Loc. Agarina e intraprendiamo insieme il sentiero di avvicinamento.

Arrivati al ponte del Diavolo guardiamo sotto e a tutti e 5 (con una sola debole incertezza, che in primis non ho ascoltato) la portata sembra "non eccessiva". Accompagniamo i 3 fino all'attacco e anche li la portata non ci sembra esagerata.

Sono le 14.10 quando arriviamo all'attacco e salutiamo i nostri compagni dandoci appuntamento verso le 16.00 al parcheggio a valle.

Puntualizzo che 4 persone su 5 avevano affrontato il percorso almeno una volta.

Riprendiamo a ritroso l'avvicinamento e portiamo il furgone a valle in attesa dei compagni. Alle 17.00 ancora non abbiamo nessuna notizia (come potete immaginare all'interno della forra i cellulari non prendono). Dopo aver sentito amici a Genova alle 18.10 (4 ore dopo averli lasciati all'ingresso) chiamo una persona del soccorso alpino Ossolano conosciuta provvidenzialmente in mattinata.

Alle 18.40 il soccorso è già presente nel parcheggio a valle e chiama un elicottero che faccia il giro sopra la forra per individuare i nostri compagni. Dopo averli visionati si valuta che vista la profondità della gola non si può intervenire con il verricello (cavo troppo corto) e dopo qualche giro l'elicottero deve rientrare alla base causa calare del sole. Ormai è troppo tardi per entrare in forra viste le condizioni dell'acqua che secondo gli uomini del soccorso sono eccessive.

L'ultimo viaggio dell'elicottero serve per portare sulle sommità delle pareti della forra alcuni uomini del soccorso, che calati riescono a vedere i tre ragazzi e comunicare con loro a gesti e con l'uso di fischietti (infatti la distanza minima raggiunta dai tre è di circa 300 Mt. e c'è uno spancio che impedisce la calata al fondo.)

Verso le ore 20.30 (orario che non posso confermare con sicurezza, da prendere con le molle) il campo del soccorso valutata l'impossibilità di agire in qualche modo dal parcheggio a valle sposta la sua base in Loc. Agarina.

In queste condizioni è impossibile operare la notte sta calando e si decide di intervenire la mattina con 2 precise modalità.

La prima con un intervento della AIR ZERMATT che può intervenire con il sistema baricentrico (sottolineo che come dice Luca Bianchi questa tecnica non è permessa dalla legge Italiana).

La seconda è la squadra in forra che interviene se l'intervento dell'elicottero non riesce ad andare a buon fine.

Alle 00.00 circa si va tutti a riposare appuntamento è alle 5 presso il campo.

Preciso che per far vedere ai ragazzi che passeranno la notte in forra il supporto e la presenza degli uomini del soccorso, vengono portati alle estremità superiori della forra dei motofari.

Mi "risveglio" al mattino e alle 5 sono presso il campo base a vedere che succede. La squadra per intervenire in forra è già pronta e si sta vestendo. Alle 5.30 si avvia sul sentiero per raggiungere il ponte del Diavolo.

Nel frattempo si aspetta l'elicottero.
Contemporaneamente gli altri soccorritori sono alla sommità della forra che scendono sul bordo per verificare la posizione e lo stato dei tre ragazzi dopo la notte, e per fortuna sembrano tutti e tre in movimento, uno sembra zoppicare.

Verso le ore 6.30 la squadra entra in forra calando da naturale subito dopo il ponte del Diavolo e attende istruzioni (rimangono quindi a monte del salto da 8 metri, non raggiungendo i ragazzi).
Alle ore 7.00 circa arriva l'elicottero della AIR ZERMATT e fa un giro di ricognizione.

Ok l'intervento si fa, prima attaccano il Baricentrico e raggiungono i 3, ma la lunghezza non basta e si torna al campo facendo un allungo di corda.

Nel giro di 30 minuti l'intervento è risolto i 3 ragazzi sono ad Agarina sani e salvi, nessuno dei tre riporta ferite e non hanno patito eccessivamente il freddo.

Questo il racconto dell'avvenimento.

Qui le mie brevi considerazioni.

Abbiamo sbagliato, in 4 avevamo già percorso la forra e ¾ non erano in dubbio sulle condizioni eccessive della portata.
Mi sento direttamente responsabile di questo errore insieme ai tre che sono scesi (probabilmente fuorviati dalle rassicurazioni del custode e anche dal capriccio generico nostro di fare una forra).

Altra cazzata l'ho commessa arrivando a valle quando, avendo visionato la diga piena che tracimava acqua (rimasta sempre comunque costante), non mi sono preoccupato finchè non è diventato troppo tardi.

Non dovevamo prendere per buone le considerazioni del custode, perchè trattasi di persona non qualificata per dare valutazioni sulla portata torrentistica.

Qui mi fermo, non posso commentare e raccontare quello accaduto in forra perchè non c'ero. Passo la palla a chi direttamente coinvolto.

Spero di aver svolto con la dovuta efficacia il racconto.

Alberto Mangili

 

Dentro la forra...

Dopo una mattinata di appuntamenti e consultazioni ossolane ci ritroviamo un pomeriggio libero, il cielo si è quasi del tutto ripulito dalle nubi e allora decidiamo di andare a dare un occhiata all'Isorno inferiore dall'ingresso poco sopra il ponte per percorrere la parte bassa, un'ora e mezza di percorso. In mattinata avevamo telefonato alla diga e ci avevano detto che il livello era basso e non erano previsti rilasci, quindi anche gli ultimi dubbi circa il troppo pieno scomparivano.

Dal ponte osserviamo l'acqua, si vede che ce né parecchia, forse quanta ne trovammo 2 anni fa in questo stesso periodo durante il riarmo in vista del raduno ossolano? Allora non entrammo, ma questa vocina rimbomba nella mia testa mentre ci apprestiamo a scendere lungo il ripido sentierino d'ingresso. Siamo sul greto, mentre mi cambio lascio che la voglia di percorrere il torrente, che mi sfugge da qualche anno, prevalga. Siamo pronti, salutiamo i nostri 2 compagni Alberto e Matita, che non possono scendere con noi e ci avviamo. Sono le 14.10. Appuntamento al massimo alle 16 dalla centrale. Siamo in tre, abbiamo 2 corde da 60 metri e il terzo ha il materiale di soccorso, un bidoncino in tre. Pensiamo sia sufficiente, d'altronde è un oretta di percorso, troppo poco perchè ci possano essere degli intoppi! Paolo l'ha già percorso 2 volte, Ale una e io mai, informazioni da ripescare nei lontani anfratti della memoria dovremmo trovarne. L'acqua è fredda e abbondante, ma la prima calata, quella sotto al ponte, si scende facilmente in riva destra, senza nemmeno bisogno di servirsi del deviatore. In acqua la corrente è forte e ti spinge veloce verso valle. Segue un tratto di camminata lungo il greto intervallato da piccoli risalti e facili disarrampicate, notiamo che è piuttosto difficile resistere alla corrente quando dobbiamo guadare il torrente. La stessa impressione attraversa le menti di ognuno, ma tutti seguono il primo che scende senza porsi ulteriori domande. Giungiamo sulla seconda calata, armata a sinistra con cascata sulla destra. Nella pozza, lunga una quindicina di metri, un grande ribollìo dell'acqua ci invita a valutare, la calata ti porta dritto nella morta e la schiuma arriva fino alla spiaggetta in fondo, forse meglio tuffare, ma non si vede un accidente. Scende il primo, nuota a fatica lungo la parete e riesce infine a guadagnare la riva, scende il secondo, io mi tuffo per saltare tutto sto sbattimento.

La spiaggetta è in realtà una frana, la attraversiamo, e pochi metri ci portano sull'orlo della cascata da 30 metri, che sapevamo essere il punto più critico, ma che in teoria si dovrebbe attraversare velocemente solo poco dopo l'inizio per poi restare dietro il getto.
Ale va per primo, quando si gira la sua faccia dice tutto.
Vado a vedere io... porcaputtana! Ma cos'è sta roba?
Tutta quell'acqua che scendeva con discreta forza lungo i vari corridoi che si è scavata nel tempo è ora convogliata in un unico potentissimo punto che dà vita ad un getto con un fronte di boh? 4 metri che si schianta dirompente contro la parete opposta distante non più di 6 o 7 metri, in mezzo a un frastuono assordante. L'acqua che sale nebulizzata dal basso ti bagna la faccia annegando in un attimo le tue già vacillanti convinzioni e smascherando impietosamente l'amara realtà. La senti quasi ridere beffarda a ricordarti la tua nullità, ci par proprio di udire le parole scandite da un eco lontano, "coglioni-oni-oni...". Per un attimo riesce pure ad ammaliarci e ci invita a scendere nelle sue vorticose spire a godere del frizzante panorama e dell'effervescente massaggio.
Siamo fortunati.
Siamo fortunati perchè prevale la paura. In quel momento non è facile mantenere la lucidità, perchè la sicurezza con cui sei abituato ad affrontare e gestire le situazioni che ti circondano sfugge via. E devi farlo onestamente. Ovvero devi mettere da parte l'orgoglio prima e la paura del giudizio poi. In breve devi prendere alcune decisioni che non ti permettono di tornare indietro.
In realtà questo era già successo poco prima quando ci siamo "dimenticati" di lasciare armata la calata precedente per consentirci di tornare sui nostri passi. Cosa che in passato avevamo già fatto. Oggi no. Oggi è il tempo di essere coglioni, e noi andiamo avanti senza sentir ragioni. Ma per fortuna, davanti a quella stretta gola inondata d'acqua, per un momento rinsaviamo. Le espressioni di ciascuno di noi riflettono chiari quei sentimenti che ci sono dentro e che non abbiamo voluto lasciare emergere. Paolo prova ad "esplorare" la calata nel buco, in quel punto si può scendere in un buco che porta dritto dietro al getto senza bisogno di attraversarlo.
In teoria.
In pratica si trova davanti ad una parete bianca. Torna su. Con il passare dei minuti capiamo che, pur'anche riuscissimo, rimbalzando e correndo, cappottando e risvoltando, girovagando e zuzzurellando, a scendere giù da quella calata, saremmo immersi nell'acqua in un punto che si stringe e che gira e che risalta, insomma saremmo nella cacca, ma quella vera.
Torniamo indietro. Ok la prima decisione è presa. Non si può andare avanti. Sono le 1530. Proviamo a nuotare nella pozza precedente per guadagnare la cascata precedente. Avanziamo in un ribollire bianco di un metro, poi due, poi due e mezzo, poi due e settantacinque, poi due e ottanta, poi due e settanta poi 2 e siamo al punto di partenza. Osserviamo le pareti. Piantiamo due spit e raggiungiamo quella cengia e poi quell'albero e torniamo alla sommità della calata. No. Non abbiamo il piantaspit. Ecco. Bene. Bravi. D'altronde noi siamo persone serie, se decidiamo di fare una cazzata la facciamo bene, le mezze misure non ci piacciono. Allora proviamo a metterci uno sull'altro e formiamo una scaletta umana, ma i punti a cui arriviamo sono lisci, scivolosi e senza appigli.
Desistiamo.
Ci guardiamo e Ale, a metà tra il beffardo e il rassegnato chiede "Allora siamo nella merda!?"
Direi di sì...
Girovaghiamo senza meta ancora una buona mezzoretta per la nostra nuova dimora, non si capisce bene se desideriamo conoscerla e prenderci familiarità o se forse abbiamo ancora un po' di adrenalina da scaricare. Di fronte alla frana, sulla riva opposta, sale una cengia che porta ad un grosso scavernamento sopraelevato rispetto all'acqua di buoni 4 o 5 metri. Lì stiamo al sicuro. Accendiamo tutti i nostri tre telefoni, si perchè ne abbiamo portati tre di tre compagnie diverse, almeno in quello siamo stati previdenti, e giriamo alla ricerca del segnale perduto. Inutile dire che nessuno dei nostri gioielli tecnologici ci assiste. Passano i minuti, passano le ore. Lentamente. Cosa abbiamo nell'unico bidone di soccorso che abbiamo portato? Un paio di barrette, un telo termico, candele. Bene, è già qualcosa. Distribuiamo gli zaini in giro in modo che siano al massimo visibili. Facciamo un po' di legna mentre aspettiamo, tronchi e tronchetti non mancano, sono secchi e sembrano pure asciutti. Li accumuliano su nello scavernamento, per arrivarci occorre attraversare il torrente, e visto che siamo 6 o 7 metri sopra la cascata e la corrente è piuttosto forte tendiamo una corda. Tra una balla e l'altra si fanno le 6. Avranno chiamato i soccorsi gli altri? Speriam... Poveretti, chissà quanto si staranno preoccupando. Ogni tanto sentiamo un rombo di elicottero, alziamo gli occhi al cielo, ma non vediamo mai nulla. Dopo un po' ci convinciamo che siamo già in preda al delirio. Tra un po' inizieremo a sospettare il complotto e alla fine ci mangeremo a vicenda. Certo che siamo durati proprio poco.....
Ogni tanto, preda della solitudine e dell'incomprensione, fischiamo diverse volte per segnalare a qualche rospo e a qualche merlo acquaiolo che ci siamo anche noi. Probabilmente loro non gradiscono molto.
Ale afferra una pietruzza e scrive epiteti su se stesso sulla parete. "Ale è un mimchione"
Alle 7 e qualcosa oltre al rombo si agitano tutti gli alberi, stavolta è vero, c'è l'elicottero. Ci mettiamo tutti in posizioni diverse in modo da avere più probabilità di essere visti. Io sono in una pozza, tutti agitiamo le braccia. Quelli lassù fanno un giro, poi un secondo giro, fanno segno di averci visti. Un terzo giro, non distante passano i cavi dell'alta tensione, difficile che ci tirino direttamente fuori. Se ne vanno. Almeno un segnale è arrivato. Sensazioni che ci attraversano sono a metà tra l'euforico e il rammarico per aver messo in movimento tutta 'sta gente per 'sta cazzata.
Aspettiamo.
Dopo un po' Ale con la sua vista da falco, scorge lontano lontano 2 figure che si muovono intorno ad un albero sul ciglio del burrone. Eccoli? Ma che fanno lassù? Ma si vorranno calare da lì? Ma saranno 400 metri di parete! Ma perchè non mandano giù 2 nel torrente a buttarci una cordetta, in mezzora saremmo fuori! Senza tanti sbattimenti. Ma come diavolo si fa a comunicare? E via dicendo....
Aspettiamo, si fa buio. Provo a cimentarmi nelle mie indiscusse e riconosciute doti di fuochista, ma qui dentro non si accende manco la carta. Dopo un po' desisto. Ci sdraiamo comodi sulla roccia umida, preda ognuno delle sue riflessioni. Certo che quando deve arrivare il tuo momento arriva senza annunciarsi troppo e magari pure nel momento meno opportuno! Insomma, ora no, non sono pronto.... Tra un po' magari.....
Arriva Paolo e stende il telo termico sui nostri umidi corpi, per essere così sottile il suo lavoro lo fa bene. La candela fa il resto. Il momento più brutto della nottata è quando devi pisciare. Ti tocca spogliarti tutto e non fa per niente piacere.... Nel dormiveglia, nelle lunghe ore di veglia intervallate da brevi momenti di sonno, scorgiamo una luce potente sopra di noi. La luna! Ma che luna, sono le fotoelettriche che illuminano il canyon. Staranno scendendo? Boh? Aspettiamo....
"Oh! la mia parte di telo è più corta! Non tirarla!"
"Oh! Che ore sono? Le 22 e 40. Ancora? Belin, non passa più."
"Oh! C'è l'elicottero che continua a girare, ma si nasconde. No, l'elicottero non torna più, appena hanno visto che stavamo bene hanno deciso di farcela cagare e lasciarci qui perlomeno una notte."
"Belin, che mal di schiena!"
Il potente rombo del torrente ci accompagna tutto il tempo, ad un certo momento sembra anche più forte. Molto più forte. Scopriremo il giorno dopo che la diga ha rilasciato, per il troppo pieno. Meno male che il livello era basso.... Va già bene che siamo quassù, più o meno al sicuro.
Si fa giorno, lentamente. Contrariamente a quanto pensavamo il freddo non è stato eccessivo. Passano i minuti, ci alziamo, ci guardiamo in giro, non c'è un anima, torniamo "a letto".
Poco dopo il rombo di un elicottero. Stavolta vicinissimo. Vola di tutto. Sta scendendo la squadra. Adrenalina. Raccogliamo in fretta la nostra roba, scendiamo dalla cengia, attraversiamo la corrente con la corda che avevamo lasciato li durante la notte.
Arrivano i soccorsi!
Atterrano, l'elicottero se ne va. Si sincerano delle nostre condizioni. I loro sorrisi sono incoraggianti. Sono un italiano del soccorso alpino e uno svizzero.
"Svizzero?"
"Sì, questa è l'Air Zermatt." Risponde l'italiano.
"L'Air Zermatt?"
"Sì", risponde sconsolato, noi non abbiamo a disposizione un baricentrico e devono scendere loro. "Ah! Ottimo!"
"Comunque in giro ci sono una trentina di persone, squadre in alto a sinistra e a destra, e qui dietro una squadra in forra che aspetta di intervenire. Stanotte le fotoelettriche le abbiamo messe per tenervi compagnia, e ieri sera vi osservavamo da in cima al burrone"
"E perchè non siete scesi subito lungo il torrente?"
"Perchè visto che uno di voi era in acqua pensavamo ad un ferito e abbiamo preferito non intervenire con la squadra di terra"
"Ah!"
L'omino svizzero invece fa schiantare dal ridere, parla pochissimo italiano, ha due cuffie enormi, ride tutto il tempo, ogni tanto si sniffa del tabacco, e ride ancora, poi con un espressione serissima si concentra sulle sue supercuffie e di nuovo torna a ridere. Fantastico.
Ci agganciano con il cavo. Iniziamo a salire.
Attraversare l'Isorno in volo è una cosa incredibile.
In un attimo siamo in alto, e vediamo tutta la gente che si è sbattuta stanotte per starci vicino. Un vento freddo attraversa i nostri corpi umidi e infreddoliti. Ora siamo sulla centrale. Com'era vicina la centrale, ci mancava davvero poco! Viriamo e siamo già sui prati di Altoggio. Piene di auto del soccorso. C'è pure l'ambulanza. Ci posa delicatamente sul prato. La nostra storia finisce qui.

Considerazioni sull'accaduto viste da chi era dentro

-Premessa fondamentale a tutte le considerazioni che seguono è: siamo stati dei gran coglioni, come avevo già sottolineato prima. La unica e sola responsabilità per quello che è accaduto è la nostra, c'è chi è stato causa di questo e chi è stato causa di quello, ma le gambe che ci hanno portato lì dentro sono le nostre e non le comanda nessun'altro se non noi stessi.

-Prima di entrare in forra avevamo materiale insufficiente a coprire il fabbisogno di 3 persone in caso di incidente, io personalmente ho considerato la brevità della forra come buona giustificazione all'essenzialità del materiale. Un bidoncino è in ogni caso inadeguato, e la lunghezza della forra non c'entra una beneamata mazza con il materiale da portare. E' stata dimenticata la sacca d'armo, che poteva farci uscire in tempi piuttosto rapidi. Capita a tutti. Ma anche quella va nel conto.

-Dal ponte e mentre ci cambiavamo sul greto abbiamo completamente sottostimato la portata e abbiamo perseverato nell'andare avanti nonostante fosse molto difficile guadare il torrente anche nei punti più facili.

-Portare a casa il risultato... in questa trappola psicologica è capitato a tutti di trovarsi. A me è parsa chiarissima in questo caso, tutta l'adorazione che ho sentito per questo torrente mi ha dato di volta al cervello! Insomma è colpa tua Skeno che hai scritto "delirio torrentistico!" :)

-Sull'ultima calata non ci siamo capiti bene e non abbiamo chiarito che la successiva sarebbe stata quella cattiva. Sarebbe bastato lasciarla armata con una corda e mandare avanti uno a vedere. O al limite anche tutti. Avremmo avuto una facile via di fuga a disposizione. Accorgimento che peraltro abbiamo già adottato in passato in situazioni analoghe. Oggi no, oggi siam coglioni.

-Io e Ale abbiamo condiviso la sensazione di non aver ascoltato il proprio istinto. Sembra una valutazione troppo sfuggente, ma quella vocina lì era da un po' che faceva notare perplessa che la cosa non era proprio sotto controllo. E' una sensazione come di disagio, che non abbiamo ascoltato, anzi l'abbiamo cazziata come paranoica e guastafeste!

-Quando si hanno queste sensazioni o si stanno facendo valutazioni tipo l'acqua forse è troppa sarebbe buona cosa fermarsi e parlarne con i propri compagni invece di tenersele per sé. Invece io personalmente non l'ho fatto, o l'ho fatto in modo insufficiente, e mi sono lasciato trascinare dal primo che entrava in azione: se va lui, allora possiamo andare!

-E qui entriamo in una dimensione più psicologica. Le parole chiavi sono orgoglio e paura. L'orgoglio mi invita a proseguire per vincere il confronto, che può essere una cosa buona e fonte di sfide che mi spingono a conoscere i miei limiti. Ma questo orgoglio diventa MORTALE quando impedisce alla prudenza, all'istinto, alla paura di manifestarsi, di uscire e di lasciar spazio alla loro giusta e sana perplessità. Questo vale per se stessi e vale per chi ti sta di fianco, vale per la lucidità con cui riesci a prendere le decisioni che determinano la buona riuscita dell'impresa e vale per il mimino livello di onestà morale nei confronti dei tuoi compagni di discesa, che non sono strumenti per la tua sopravvivenza, ma sono lo specchio della tua vita e organi essenziali per la sopravvivenza collettiva.
A chi non è mai capitato di trovarsi davanti ad una situazione cattiva e si è sentito sollevato sapendo che c'era qualcuno che andava avanti? Va bene fintanto che esiste una persona più esperta e più capace, o più sicura nel momento, è giusto e si impara a crescere. Va malissimo quando questa scelta determina o meno la prosecuzione della discesa. Vai avanti tu e va bene, vado avanti io, allora no, ci fermiamo. Questo perchè? Perchè si difetta in onestà verso di sé e verso gli altri e non si dice semplicemente e senza giudizio "non me la sento di andare giù!". Stop. E si finisce con l'utilizzare il prossimo come strumento per la propria sopravvivenza, dimenticandosi che in torrente (come nella vita) chi ti sta di fronte sei tu e voi insieme siete parte di un unico organismo. Non arriva alla fine uno, non arriva alla fine nessuno. Nell'Isorno questa è stata una palese verità.

Non è una morale per nessuno, ci tengo a sottolineare che solo vuole essere il racconto della nostra esperienza e che possa funzionare da testimonianza per chi è capace di imparare le lezioni che la vita ti pone davanti mettendo da parte quel pregiudizio e orgoglio che ti inchiodano su infantili posizioni egocentrate per sempre. La nostra immensa coglionaggine ci ha portato ad inanellare una serie di cazzate e il nostro merito è stato fermarci al punto giusto. Ma da questo abbiamo imparato moltissimo. Ho citato potevamo fare questo e quello e ho rimarcato come sia stato possibile che abbiamo dimenticato quello e quell'altro. Ma questo è parlare del sesso degli angeli. Non esistono le possibilità, esistono solo i fatti! Ho scelto di andare a destra e basta, la sinistra da quel momento non esiste più ed è autolesionista pensare il contrario. Le cose sono andate così e non potevano andare in nessun altra maniera perchè questa storia doveva esserci servita in quel modo perchè avevamo bisogno di quello. Mille altre volte puoi ripetere le stesse cose cercando di insegnare qualcosa a qualcuno e quello non ti ascolterà mai. Poi spunta l'Isorno. Che con un ceffone ci ricorda simpaticamente quanto siamo coglioni! :)

Ci preme ringraziare tantissimo tutti gli amici che ci sono stati vicini, Alberto e Matita che ci aspettavano all'uscita, il Goa che ci seguiva in apprensione da Genova e tutti gli amici dell'AIC che ci hanno chiamato nei giorni seguenti.

Grazie anche a chi si è sbattuto per tirarci fuori da lì, per una notte intera. E infatti verrà dato seguito a questo post con uno apposito sull'operato del soccorso alpino dal punto di vista di chi viene soccorso, con gli elogi e le necessarie critiche, che magari servono anche a migliorarsi, soprattutto sulla questione Zermatt che è ancora adesso per noi piuttosto misteriosa e fonte di polemiche

Marco Benzi

 

Se volete seguire la discussione che è seguita a questo evento sul forum di AIC...

Andate a questo link: http://win.aic-canyoning.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=2466

Categoria: incidenti in forra

Carrello - Cart

 x 
Carrello vuoto